Ritorna alle Analisi

Il G7 chiede maggiore stabilità

Il responsabile delle politiche della Banca Centrale Europea e della Bundesbank, Joachim Nagel, afferma come le pressioni sui prezzi nell'Eurozona potrebbero continuare per qualche tempo...

Il responsabile delle politiche della Banca Centrale Europea e della Bundesbank, Joachim Nagel, afferma come le pressioni sui prezzi nell’Eurozona potrebbero continuare per qualche tempo. Non è del tutto chiaro, sempre secondo l’esponente, se il tasso di inflazione raggiungerà l’obiettivo del 2% l’anno prossimo. Piero Cipollone, membro del Comitato esecutivo della BCE, dichiara invece che si intravedono alcuni segnali di ripresa economica nell’area euro, constatando inoltre che, se i dati in arrivo a giugno e luglio confermeranno quanto sperato dalla BCE, sarà opportuno rimuovere alcune misure restrittive imposte nel 2023.

Negli Stati Uniti, il Presidente della FED di Cleveland Mester conferma l’errore dell’Istituto americano nell’anticipare quanto potesse ancora crescere l’inflazione. Nonostante il mercato del lavoro e l’economia in sé restino forti, potrebbero però essere necessari tagli in caso di indebolimento. Salta invece all’orecchio l’affermazione del Governatore della FED Bowman, la quale dichiara invece l’inflazione crescerà lentamente e, con una certa possibilità, si potrà fermare.

La caduta dello yen giapponese ai minimi di 33 anni potrebbe costringere il governatore ad aumentare i tassi prima piuttosto che dopo, avvertono gli economisti. A soccorso dei giapponesi, potrebbero arrivare gli altri membri del G7, i quali, durante la riunione a Washington, concordano nella necessità di cambi maggiormente stabili, almeno per i Paesi membri.

L’indice dei prezzi al consumo del Regno Unito per il mese di marzo ha registrato un leggero aumento, indicando pressioni inflazionistiche in corso. Come reazione, i mercati hanno riadattato le loro aspettative sulle prossime decisioni della banca britannica e il taglio iniziale è ora previsto per settembre, con un ritardo rispetto alle precedenti previsioni di agosto. Inoltre, la probabilità di una seconda riduzione a dicembre è scesa al 60% rispetto a quanto previsto all’inizio della settimana.

Calendario Economico

14:30 – Indice di produzione della FED di Filadelfia
22:30 – Bilancio della FED
EURUSD: 1.0680
EURGBP: 0.8565

Ready to talk FX?

Get in touch with one of our friendly and knowledgeable experts to see how FX strategy can drive commercial impact in your business.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

L’euro mantiene l’argine, per ora

Nonostante il dato sul PMI manifatturiero dell’Eurozona sia salito a 47.4, superando le stime e la lettura precedente, rimane ancora di sotto della soglia di 50, in territorio quindi di contrazione...

Oltremanica l’inflazione è calda

La sterlina britannica punta i minimi da due mesi a questa parte, dopo che il dato dell’inflazione sorprende…

Da Giugno si comincia

In UE, in assenza di notizie rilevanti o in controtendenza, il policymaker Kazaks afferma come il taglio dei tassi a giugno da parte della BCE sia altamente probabile...

Volano oro e rame

In una settimana con un inizio soft a livello di calendario economico, le attenzioni virano verso le questioni geopolitiche...

Acqua fresca sul fuoco dell’inflazione USA

Eurostat ha pubblicato la seconda stima dei dati preliminari del PIL del Q1: la crescita trimestrale e annualizzata è stata in linea con il consenso...

Powell resta di stucco

L’inflazione nelle terre tedesche e spagnole continua ad essere in linea con le aspettative, segnando una crescita, rispettivamente, del 2.2% e dello 0.7%...

Biglietto Verde al bivio

Settimana di attesa per la valuta comune del Continente Blu: oltre all’indice ZEW in uscita oggi, gli occhi saranno puntati sul PIL, sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, in uscita domani, e sull’indice dei prezzi al consumo che saranno pubblicati venerdì...

Le politiche monetarie divergono

I responsabili della BCE sono divisi sull'estensione del ciclo di tagli dei tassi dopo la riunione di giugno...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci