Ritorna alle Analisi

Nubi sulla crescita UE

Le recenti stime dell’Unione Europea sul futuro dell’economia del Continente Blu hanno segnato uno stop.

Le previsioni hanno rivisto al ribasso la crescita economica allo 0.8% nel 2023, rispetto alle stime precedenti dell’1%, e all’1.4% nel 2024 dall’1.7%. Riguardo all’inflazione, la Commissione Europea prevede che continui a diminuire man mano che ci si avvicina alla fine dell’anno, stimandola al 5.6% nel 2023 rispetto al precedente dato del 5.8% e al 2.9% nel 2024 rispetto al 2.8% precedentemente previsto.

In attesa dei dati sull’occupazione del Regno Unito, il Ministro inglese delle Finanze, Jeremy Hunt, si è espresso sulle prospettive dell’inflazione. Hunt ha affermato che l’obiettivo inflattivo rimane sempre quello del 2%. Lo stesso ha poi aggiunto che il Governo potrebbe avere soldi extra da investire per ripianare le finanze pubbliche. Attenzione però a non immettere più denaro di quanto necessario nel sistema economico perché l’effetto netto potrebbe essere dannoso per l’economia. Notizia che invece preoccupa il mercato del lavoro è quella che vede Wilko, catena di negozi inglese, chiudere i battenti con una potenziale perdita di 12.5mila posti di lavoro.

In USA questa settimana l’attenzione si concentrerà sulle ultime letture dell’indice sui prezzi al consumo e dell’indice sui prezzi alla produzione, rispettivamente mercoledì e giovedì. Gli economisti si aspettano che l’indice CPI abbia accelerato al 3,6% in agosto dal 3,2% del mese precedente. Per quanto riguarda invece il PPI mensile gli economisti si aspettano un andamento dello 0,4% contro lo 0,3% del mese precedente. Gli effetti della stretta monetaria sul mercato del lavoro statunitense e la discesa dell’inflazione hanno portato gli esperti a pensare che un rialzo dei tassi della FED a settembre sia veramente poco probabile, ma che potrebbe invece avvenire a novembre o dicembre.

Calendario Economico

11:00 – Previsioni economiche UE

EURUSD: 1.0715

EURGBP: 0.8580

Ready to talk FX?

Get in touch with one of our friendly and knowledgeable experts to see how FX strategy can drive commercial impact in your business.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

Da Giugno si comincia

In UE, in assenza di notizie rilevanti o in controtendenza, il policymaker Kazaks afferma come il taglio dei tassi a giugno da parte della BCE sia altamente probabile...

Volano oro e rame

In una settimana con un inizio soft a livello di calendario economico, le attenzioni virano verso le questioni geopolitiche...

Acqua fresca sul fuoco dell’inflazione USA

Eurostat ha pubblicato la seconda stima dei dati preliminari del PIL del Q1: la crescita trimestrale e annualizzata è stata in linea con il consenso...

Powell resta di stucco

L’inflazione nelle terre tedesche e spagnole continua ad essere in linea con le aspettative, segnando una crescita, rispettivamente, del 2.2% e dello 0.7%...

Biglietto Verde al bivio

Settimana di attesa per la valuta comune del Continente Blu: oltre all’indice ZEW in uscita oggi, gli occhi saranno puntati sul PIL, sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, in uscita domani, e sull’indice dei prezzi al consumo che saranno pubblicati venerdì...

Le politiche monetarie divergono

I responsabili della BCE sono divisi sull'estensione del ciclo di tagli dei tassi dopo la riunione di giugno...

Falchi e colombe volano sulla BoE

Il responsabile delle politiche della Banca Centrale Europea, Robert Holzmann, dà il via alla sessione europea affermando di non intravedere motivi per ridurre i tassi di interesse di riferimento in maniera troppo repentina o veloce...

Sale la voglia di tagli nella BCE

I dati statunitensi sul mercato del lavoro, più deboli del previsto hanno aumentato le probabilità di un taglio dei tassi a settembre da parte della Federal Reserve...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci