Ritorna alle Analisi

Falchi e colombe volano sulla BoE

Il responsabile delle politiche della Banca Centrale Europea, Robert Holzmann, dà il via alla sessione europea affermando di non intravedere motivi per ridurre i tassi di interesse di riferimento in maniera troppo repentina o veloce...

Il responsabile delle politiche della Banca Centrale Europea, Robert Holzmann, dà il via alla sessione europea affermando di non intravedere motivi per ridurre i tassi di interesse di riferimento in maniera troppo repentina o veloce. Nel frattempo, il responsabile delle politiche della BCE, Pierre Wunsch, sostiene come i costi di una politica troppo restrittiva per troppo tempo sembrano essere superiori a quelli di un allentamento prematuro. Per questo sarebbe giustificato, secondo lo stesso, un taglio di 50 punti base, sebbene il timing resti dettato dai dati.

In USA occhi puntati, oltre che sui dati relativi al lavoro in uscita, sui funzionari della Federal Reserve statunitense, con tre oratori in programma. Il vicepresidente della Federal Reserve Philip Jefferson interverrà in una discussione presso Exploring Careers in Economics;

il Presidente della Federal Reserve Bank di Boston Susan Collins sosterrà un discorso agli studenti del MIT Sloan e il governatore della Federal Reserve Lisa Cook discuterà l’ultimo rapporto semestrale della Fed sulla stabilità finanziaria.

In attesa della decisione ufficiale sui tassi di interesse della Banca d’Inghilterra, il consensus sostiene che gli stessi rimarranno invariati al 5.25% per la sesta volta consecutiva. Tuttavia, la BoE potrebbe assumere un atteggiamento leggermente dovish sulle prospettive dei tassi di interesse, in quanto i responsabili politici sono fiduciosi che la crescita dell’inflazione complessiva possa essere tornata al tasso desiderato del 2% in aprile, per poi risalire nei mesi successivi, secondo gli ultimi commenti del governatore della BoE Andrew Bailey.

Calendario Economico

13:00 – Decisione del tasso d’interesse UK

14:30 – Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione USA

EURUSD: 1.0740

EURGBP: 0.8610

Ready to talk FX?

Get in touch with one of our friendly and knowledgeable experts to see how FX strategy can drive commercial impact in your business.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

L’euro mantiene l’argine, per ora

Nonostante il dato sul PMI manifatturiero dell’Eurozona sia salito a 47.4, superando le stime e la lettura precedente, rimane ancora di sotto della soglia di 50, in territorio quindi di contrazione...

Oltremanica l’inflazione è calda

La sterlina britannica punta i minimi da due mesi a questa parte, dopo che il dato dell’inflazione sorprende…

Da Giugno si comincia

In UE, in assenza di notizie rilevanti o in controtendenza, il policymaker Kazaks afferma come il taglio dei tassi a giugno da parte della BCE sia altamente probabile...

Volano oro e rame

In una settimana con un inizio soft a livello di calendario economico, le attenzioni virano verso le questioni geopolitiche...

Acqua fresca sul fuoco dell’inflazione USA

Eurostat ha pubblicato la seconda stima dei dati preliminari del PIL del Q1: la crescita trimestrale e annualizzata è stata in linea con il consenso...

Powell resta di stucco

L’inflazione nelle terre tedesche e spagnole continua ad essere in linea con le aspettative, segnando una crescita, rispettivamente, del 2.2% e dello 0.7%...

Biglietto Verde al bivio

Settimana di attesa per la valuta comune del Continente Blu: oltre all’indice ZEW in uscita oggi, gli occhi saranno puntati sul PIL, sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, in uscita domani, e sull’indice dei prezzi al consumo che saranno pubblicati venerdì...

Le politiche monetarie divergono

I responsabili della BCE sono divisi sull'estensione del ciclo di tagli dei tassi dopo la riunione di giugno...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci