Ritorna alle Analisi

Le risorse sono terminate

da oggi i cittadini italiani sono ufficialmente debitori del Pianeta per il resto del 2023

Ebbene, ieri è stato il giorno dell’”Overshoot”, che sta a intendere che già nel quinto mese dell’anno abbiamo già consumato tutte le risorse che la Terra può generare in un anno. Secondo i dati, l’Italia avrebbe bisogno di 2.7 pianeti per soddisfare le sue richieste senza indebitarsi.
Passando ai dati macro, l’indice dei prezzi al consumo italiano nel mese di aprile ha registrato un valore di 0.4% vs 0.5% atteso, mentre su base annua 8.2% vs 8.3% atteso.
Dalla Germania la rilevazione ZEW del sentimento sull’economia teutonica ha segnato un dato di -10.7, ben al di sotto del -5.3 atteso e del 4.1 del mese precedente. Anche lo stesso dato su base europea si è attestato al di sotto delle previsioni, nello specifico -9.4 vs -1 atteso.

In UK il Capo Economista della BoE Pill ha avvertito che l’istituto centrale londinese manterrà alta la guardia per il tempo in cui la crescita dell’inflazione sarà superiore al 2%. Seguire le orme della Fed, tuttavia, sarà un’ardua impresa anche considerando che il mercato del lavoro non è così stabile. Inizia a sollevarsi un bel polverone: secondo i predecessori di Sunak, la Brexit è stata un fallimento.

 

Il Presidente della Federal Reserve di Cleveland Mester ha espresso ancora incertezza sul futuro dei tassi di interesse: i dati dei prossimi mesi saranno indicativi per valutare se si è arrivati ad un punto di svolta. Nel frattempo, le vendite al dettaglio risultano essere allo 0,4% vs 0,8% atteso su base mensile, ma scorporando il dato del comparto automobilistico il dato è positivo.

Calendario Economico

11:00- Indice prezzi al consumo UE (Apr)
11:30 – Discorso di Panetta (BCE)
17:15 – Discorso di De Guindos (BCE)

EURUSD: 1.0840

EURGBP: 0.8710

Ready to talk FX?

Get in touch with one of our friendly and knowledgeable experts to see how FX strategy can drive commercial impact in your business.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

L’euro mantiene l’argine, per ora

Nonostante il dato sul PMI manifatturiero dell’Eurozona sia salito a 47.4, superando le stime e la lettura precedente, rimane ancora di sotto della soglia di 50, in territorio quindi di contrazione...

Oltremanica l’inflazione è calda

La sterlina britannica punta i minimi da due mesi a questa parte, dopo che il dato dell’inflazione sorprende…

Da Giugno si comincia

In UE, in assenza di notizie rilevanti o in controtendenza, il policymaker Kazaks afferma come il taglio dei tassi a giugno da parte della BCE sia altamente probabile...

Volano oro e rame

In una settimana con un inizio soft a livello di calendario economico, le attenzioni virano verso le questioni geopolitiche...

Acqua fresca sul fuoco dell’inflazione USA

Eurostat ha pubblicato la seconda stima dei dati preliminari del PIL del Q1: la crescita trimestrale e annualizzata è stata in linea con il consenso...

Powell resta di stucco

L’inflazione nelle terre tedesche e spagnole continua ad essere in linea con le aspettative, segnando una crescita, rispettivamente, del 2.2% e dello 0.7%...

Biglietto Verde al bivio

Settimana di attesa per la valuta comune del Continente Blu: oltre all’indice ZEW in uscita oggi, gli occhi saranno puntati sul PIL, sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, in uscita domani, e sull’indice dei prezzi al consumo che saranno pubblicati venerdì...

Le politiche monetarie divergono

I responsabili della BCE sono divisi sull'estensione del ciclo di tagli dei tassi dopo la riunione di giugno...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci