Ritorna alle Analisi

La colomba torna nella voliera

In Germania gli ordinativi industriali sono cresciuti dello 0.2%, meglio delle attese ferme a -1%. Seppur anche loro meglio delle attese, rimangono sotto la soglia di 50 punti indice i PMI.

Segnali di recessione arrivano anche dal settore servizi dell’Eurozona, che si posiziona sempre sotto quota 50. Unica nota positiva arriva dall’indice di confidenza degli investitori, che risulta essere meno negativo del previsto (-18.6 vs -22.2 atteso).

Giornata poco movimentata l’ultima trascorsa negli Stati Uniti. A farla da padrone saranno le dichiarazioni di membri della FED dopo la riunione della scorsa settimana. Il Presidente della FED di Minneapolis Kashkari ritiene che la strada sia ancora lunga e vede l’inflazione potenzialmente in rialzo. Powell sarà di scena domani e dopodomani: gli interventi verranno monitorati attentamente per capire se il tono dovish tenuto in occasione del meeting della scorsa settimana non sia stato enfatizzato dai mercati, attualmente in hangover dopo la sbornia dei giorni scorsi.

 

Dopo i ripetuti scioperi sindacali indetti negli ultimi mesi nel Regno Unito, che hanno principalmente interessato trasporti ferroviari e sanitari, i legislatori hanno pensato di creare una nuova struttura di norme, che consentirebbe di scioperare pur garantendo un minimo di servizio. Secondo il Primo Ministro Sunak questo consentirebbe di preservare il Natale da possibili nuovi blocchi. Parlando sempre di Natale, secondo uno studio di Accenture che prende i dati YouGov, i sudditi di Carlo III stanno pensando di spendere meno per i regali: questa riduzione della propensione alla spesa è giustificata dai timori, sempre più insistenti, dell’aumento del costo della vita.

EURUSD: 1.0680

EURGBP: 0.8680

Ready to talk FX?

Get in touch with one of our friendly and knowledgeable experts to see how FX strategy can drive commercial impact in your business.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

L’euro mantiene l’argine, per ora

Nonostante il dato sul PMI manifatturiero dell’Eurozona sia salito a 47.4, superando le stime e la lettura precedente, rimane ancora di sotto della soglia di 50, in territorio quindi di contrazione...

Oltremanica l’inflazione è calda

La sterlina britannica punta i minimi da due mesi a questa parte, dopo che il dato dell’inflazione sorprende…

Da Giugno si comincia

In UE, in assenza di notizie rilevanti o in controtendenza, il policymaker Kazaks afferma come il taglio dei tassi a giugno da parte della BCE sia altamente probabile...

Volano oro e rame

In una settimana con un inizio soft a livello di calendario economico, le attenzioni virano verso le questioni geopolitiche...

Acqua fresca sul fuoco dell’inflazione USA

Eurostat ha pubblicato la seconda stima dei dati preliminari del PIL del Q1: la crescita trimestrale e annualizzata è stata in linea con il consenso...

Powell resta di stucco

L’inflazione nelle terre tedesche e spagnole continua ad essere in linea con le aspettative, segnando una crescita, rispettivamente, del 2.2% e dello 0.7%...

Biglietto Verde al bivio

Settimana di attesa per la valuta comune del Continente Blu: oltre all’indice ZEW in uscita oggi, gli occhi saranno puntati sul PIL, sulla disoccupazione e sulla produzione industriale, in uscita domani, e sull’indice dei prezzi al consumo che saranno pubblicati venerdì...

Le politiche monetarie divergono

I responsabili della BCE sono divisi sull'estensione del ciclo di tagli dei tassi dopo la riunione di giugno...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci