Ritorna alle Analisi

Alla ricerca del trend

La Presidente della BCE Lagarde ha dichiarato a Bruxelles che l’istituto centrale potrebbe presto discutere della possibilità di chiudere anticipatamente.

La Presidente della BCE Lagarde ha dichiarato a Bruxelles che l’istituto centrale potrebbe presto discutere della possibilità di chiudere anticipatamente i reinvestimenti nell’ambito del programma di acquisto di emergenza pandemica (Pepp) da 1,700 miliardi di euro. Inoltre, ha anche dichiarato che le pressioni inflazionistiche nell’Eurozona si stanno allentando ma la crescita dei salari è ancora forte: la lotta della per contenere la crescita dei prezzi non è ancora terminata.

In USA la settimana inizia in modo molto leggero con alcuni dati sulle vendite di nuove abitazioni, che nel mese di ottobre si sono attestate ad un livello annuale destagionalizzato di 679 mila unità, secondo le stime rilasciate congiuntamente dal Census Bureau degli Stati Uniti e dal Department of Housing and Urban Development. Il numero rappresenta un calo del 5.6% rispetto al tasso rivisto di settembre di 719 mila e si colloca al di sotto del consenso del mercato

di 725 mila unità. Il punto focale sarà negli ultimi tre giorni della settimana, con il PIL in uscita mercoledì, mentre giovedì i mercati si muoveranno con le richieste di disoccupazione e l’indice PCE di ottobre. Alla fine della settimana, l’Institute of Supply Management pubblicherà l’indice PMI per il mese di novembre, mentre a chiudere la settimana sarà il discorso del presidente della Federal Reserve Jerome Powell.

Riportare l’inflazione al livello del 2% sarà difficile, parola del Governatore Bailey: secondo il numero uno della BoE, dopo ben 14 aumenti, l’inflazione inglese si è portata al 4.6% in ottobre. Un livello di inflazione vicino al 2%, però, si vedrà solo alla fine del 2025. Il Governatore ha poi affermato che, pur riconoscendo le problematiche che le famiglie inglesi hanno dovuto subire e affrontare in questi periodi, per ora non sarà possibile allentare la politica monetaria. I mercati al momento scontano un primo taglio dei tassi a partire da settembre 2024.

Calendario Economico

09:00 – Discorso Nagel BuBa

16:00 – Indice di confidenza al consumo USA

16:00 – Indice manifatturiero FED Richmond USA

17:00 – Discorso Lagarde BCE

EURUSD: 1.0930

EURGBP: 0.8660

Download
l'articolo

Per ottenere una copia in PDF di questo articolo, contattaci.

Contattaci

Altri
Analisi di mercato

Find out how we have helped our clients meet their hedging requirements.

I mercati provano Nvidia

Gli utili boom della statunitense Nvidia, che segna il +256%: il CEO Huang ha affermato che la domanda di componenti per l’intelligenza artificiale ha raggiunto il suo punto critico...

La Von der Leyen in corsa

Dopo una riunione dei vertici del partito a Berlino, la CDU offre il palco alla Presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen per formalizzare la corsa al secondo mandato...

Lunedì di festa negli States

L'indice dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti è aumentato dello 0.9% su base annua a gennaio, secondo i dati pubblicati venerdì dal Bureau of Labor Statistics...

Deludono le vendite al dettaglio statunitensi

Giornata di conferenze ieri in Europa, in cui il Presidente della BCE ha esordito con dei messaggi piuttosto hawkish...

La lunga strada verso il 2%

Mentre Zelensky è indaffarato nella ricerca di circa un milione "perduto" nei meandri di Kiev, il Portavoce del Cremlino ha risposto agli avvertimenti europei affermando come qualsiasi messaggio contro la narrativa russa sia da considerare una mera propaganda occidentale...

La BoE spera nel mercato del lavoro

In Europa alcuni funzionari della BCE si sono dimostrati dovish, ponendo le basi per un taglio dei tassi. Questo e la scarsità del calendario economico dell'Eurozona fanno sì che gli operatori si concentrino sui discorsi della scorsa settimana e sull'importante rapporto sull'inflazione statunitense di martedì...

La FED mantiene la rotta

Le vendite al dettaglio italiane nel mese di dicembre hanno registrato un valore inferiore alle aspettative, marcando -0.1% vs 0.2% atteso...

La BoE ferma al 5.25%

Il CPI dell'Eurozona è aumentato ad un ritmo annuale del 2.8% a gennaio, in leggero rallentamento rispetto all'aumento del 2.9% di dicembre, secondo i dati ufficiali pubblicati da Eurostat giovedì...

Per saperne di più sulle nostre soluzioni Forex intelligenti
Contattaci